in

ITALIA per EMERGENZA FILIPPINE: VELIVOLO C27J IN VOLO CON MATERIALE UMANITARIO MAE E INTERSOS

Guiuan (Filippine) 9 dicembre 2013 – Un velivolo C-27J dell’Aeronautica Militare, di base nell’Aeroporto di Cebu (Filippine) ha trasportato il 5 dec una delegazione del Ministero degli Affari Esteri e un carico di materiale umanitario, messo a disposizione dal Ministero Affari Esteri e dalla Organizzazione Non Governativa Intersos, nella città di Guiuan, una delle località più devastate dalla forza del Tifone Haiyan.

La delegazione del MAE, guidata dall’Ambasciatore d’Italia a Manila, Massimo Roscigno, era composta dall’Ammiraglio Danilo Cortez, Consulente del Presidente in Affari Militari per le Filippine, dal Capo Ufficio di Cooperazione dell’Ambasciata Italiana Dott. Luigi Cavestro, dal Capo del distaccamento del Comando Operativo Interforze a Manila, Col. Luigi Antonicelli, e da esperti locali del settore della cooperazione.

Al termine dell’attività, che ha visto collaborare in modo sinergico realtà italiane istituzionali e non governative a favore della popolazione filippina, l’Ambasciatore Roscigno ha affermato che “è stato importante questo gesto nei confronti della città di Guiuan, una delle città più colpite dal tifone Haiyan. Abbiamo accolto con piacere la richiesta di aiuto e con Intersos abbiamo donato questo materiale” e continuando ha detto “trovo molto positivo che in queste circostanze le sinergie del sistema italiano riescano a lavorare bene insieme, il Ministero degli Esteri, il Ministero della Difesa, e anche il settore privato, delle ONG, tutti abbiamo contribuito a far arrivare dei beni qui, beni dei quali hanno disperatamente bisogno queste popolazioni. Volevo ringraziare particolarmente il personale dell’Aeronautica, perché la loro assistenza è stata straordinaria e la loro professionalità veramente eccezionale”.

L’attività è iniziata con l’atterraggio a Guiuan, dove il personale dell’Aeronautica insieme con militari filippini hanno scaricato dal velivolo oltre tre tonnellate di materiale. In particolare, si trattava di 26 tende, 2 depuratori d’acqua, e  2 “pillow tank”, ovvero serbatoi gonfiabili da 5000 litri ciascuno. Il sindaco di Guiuan, signor Christopher P. Gonzales, nel ricevere il materiale si è rivolto all’Ambasciatore Roscigno e ha ringraziato gli italiani per la loro generosità “sono molto contento” ha continuato il Sindaco Gonzales “perché vedo l’aiuto della comunità internazionale. Il materiale che ci è stato consegnato oggi è molto utile, in particolare l’acqua è di vitale importanza per noi in questo momento”.  Successivamente il C27, prima di rientrare a Cebu, ha fatto scalo a Tacloban. La delegazione qui ha incontrato la signora Fe S. Renomeron, Sindaco di Burauen,  località nella quale è presente l’ospedale da campo della Protezione Civile Italiana.

La delegazione ha quindi visitato l’ospedale italiano, dove ha incontrato il dott. Fabio Grossi, Capo Missione della Protezione Civile, medici, paramedici, e tutto il personale presente della Protezione Civile, Italiana ed Europea. Intorno all’ospedale per l’occasione si è radunata una folla di cittadini filippini che hanno accolto con calore la delegazione italiana ringraziando l’Italia per l’aiuto che sta dando nella loro regione.

Prima di far rientro all’Aeroporto di Tacloban, la delegazione si è fermata a Tanauan, dove l’Ambasciatore ha incontrato il Sindaco, Pelagio Tecson, e il parroco della Città, e successivamente ha visitato il campo tenda italiano composto da oltre 200 tende, allestito dalla Cooperazione Italiana e da Intersos.

 L’Aeronautica Militare è presente nelle Filippine dallo scorso 21 novembre in supporto alla Protezione Civile italiana e delle realtà nazionali e internazionali che stanno operando nella regione a favore della popolazione colpita dal Tifone Haiyan. Attualmente stanno operando dall’Aeroporto di Cebu due velivoli della 46° Brigata Aerea, un C-130J e un C27J con funzioni di trasporto di materiale umanitario, medicinali, sfollati, personale militare e civile impegnato nelle operazioni di soccorso.

15 novembre 2013

Primi aiuti Italiani con volo aeronautica militare. Ad Ancona Falconara l’imbarco di aiuti e personale della Protezione Civile.

Grazie alle elevate capacità dei velivoli dell'Aeronautica Militare sarà possibile operare di giorno e di notte, con l'impiego dei visori notturni, e atterrare anche su piste semi-preparate o in terra battuta. Il personale dell'Aeronautica Militare impiegato nella missione umanitaria italiana ha una elevata competenza, maturata per molti anche nel teatro afghano, ed è in grado di far fronte alle condizioni climatiche, ambientali e operative marginali presenti oggi nell'arcipelago delle Filippine, dopo la devastazione subita.

28 novembre 2013

Un C-130J e un C-27 della 46^ Brigata Aerea di Pisa sono decollati da Al Bateen (EAU), dove è rischiarata la Task Force Air dell’Aeronautica Militare. 

Il C-27 è rischierato sull’isola di Cebu, nell’ambito del dispositivo internazionale di soccorso, per soddisfare efficacemente le esigenze di trasporto di materiali e personale, grazie alla sua versatilità e flessibilità d’impiego e alla sua capacità di operare anche da piste deteriorate.

Continua intanto l’attività del C-130 dell’Aeronautica Militare che dal 21 Novembre sta operando nell’area colpita dal tifone. Al 28 nov ha effettuato 20 missioni per un totale di circa 13 ore di volo, trasportando team di varie nazionalità impegnati nelle azioni di soccorso, sfollati, materiali e viveri di prima necessità messi a disposizione dal governo locale, da altri Paesi e dalle organizzazioni internazionali impegnate sul posto (WFP e UNICEF) per un totale di circa 200.000 libbre. 

30 novembre 2013

L’Aeronautica Militare continua nel suo impegno in soccorso della popolazione filippina: un C-130J della 46^ Brigata Aerea di Pisa partecipa attivamente al dispositivo dei soccorsi della comunità internazionale per far fronte all'emergenza umanitaria. 

Il velivolo trasporta quotidianamente persone sfollate, uomini dei soccorsi, viveri e medicinali, facendo la spola tra i diversi aeroporti filippini di Cebu, Ormoc, Guian, Tacloban e Roxas. Il C-130J  opera nel Paese asiatico ininterrottamente da giovedì 21 Novembre, giorno in cui, con il trasporto di un ospedale da campo della Protezione Civile Europea, è giunto nelle Filippine.

I 28 voli finora effettuati dal velivolo militare hanno permesso il trasporto e la distribuzione di circa 120 tonnellate di generi alimentari, di oltre 10 tonnellate di materiale sanitario, nonché l’evacuazione e il trasporto di oltre 150 persone. 

1 dicembre 2013

ATTERRATI A CEBU C-130J E C-27J

Due velivoli da trasporto dell'Aeronautica Militare, un C-130J e un C-27J, sono atterrati nell'aeroporto di Cebu, nelle Filippine il 30 novembre 2013.

Il velivolo ha trasportato persone sfollate, uomini dei soccorsi, viveri e medicinali, facendo la spola tra i diversi aeroporti filippini di Cebu, Ormoc, Guian, Tacloban e Roxas.  

 

2 dicembre 2013

PRIMA MISSIONE OPERATIVA DEL C27J NELLE FILIPPINE

Un C27J dell'Aeronautica Militare ha compiuto la sua prima missione operativa nelle Filippine trasportando personale e materiale della Protezione Civile che sta operando nella periferia di Burauen, a circa 50 km da Tacloban, nella provincia di Leyte, uno dei luoghi più devastati dal tifone Haiyan.  

Il velivolo giunto in zona di operazione lo scorso 30 novembre per sostituire il velivolo da trasporto C-130J, è decollato il 2 dic dall'Aeroporto di Cebu (Filippine) con a bordo 30 persone della Protezione Civile Italiana e 1000 kg di materiale. Successivamente il velivolo è atterrato a Tacloban dove, dopo aver scaricato passeggeri e materiale, ha imbarcato il personale della Protezione Civile che rientrerà  in Italia dopo il turno di permanenza nell'ospedale. Il volo si è concluso con successo a Cebu dove è stato sbarcato il personale della Protezione Civile che rientrerà in Patria dopo aver dato assistenza umanitaria e medica alla popolazione civile filippina colpita dal tifone lo scorso 8 novembre.  

(Ufficio Stampa sulle attività dei velivoli dell’Aeronautica Militare – C27J e C-130J della 46^ Brigata Aerea – nelle Filippine)

 

 

 

Paano mapapatunayan ang pagkakaroon ng regular na trabaho kung wala na ang contratto di soggiorno?

Masusulat sa permit to stay kung balido para sa trabaho