in

Addio a Nelson Mandela, l’uomo che ha sconfitto l’apartheid

“Ho combattuto contro la dominazione bianca e ho combattuto contro la dominazione nera . Ho accarezzato l'ideale di una società democratica e libera in cui tutte le persone vivano insieme in armonia e con pari opportunità”

Roma – 6 dicembre 2013 –Si è spento ieri sera a Johannesburg Nelson Mandela, l’uomo che ha sconfitto il regime razzista che ha oppresso il Sud Africa dal 1948 al 1994.

Nel 1963 fu condannato all'ergastolo per le "attività sovversive" portate avanti con il suo partito, l’African National Congress. Durante quel processo, dal banco degli imputati, pronunciò uno dei suoi discorsi più celebri, spiegando il senso della sua lotta. Ecco la conclusione:

“Gli africani vogliono un salario che permetta loro di vivere. Gli africani vogliono fare il lavoro che sono capaci di fare e non il lavoro che il governo dice che sono capaci di fare. Gli africani vogliono poter vivere dove trovano lavoro e non essere trasferiti da una zona perché non sono nati lì. Gli africani vogliono poter possedere terra nei luoghi dove lavorano e non essere obbligati a vivere in case in affitto, che non possono mai chiamare proprie”.

“Gli africani vogliono essere parte della popolazione generale e non confinati a vivere nei propri ghetti. Gli uomini africani vogliono vivere con le mogli e i figli dove lavorano e non essere costretti a un'esistenza innaturale negli ostelli per uomini. Le donne africane vogliono stare con i loro uomini e non essere lasciata vedove permanentemente nelle riserve. Gli africani vogliono poter uscire dopo le undici di sera e non essere confinati nelle loro stanze come dei bambini. Gli africani vogliono poter viaggiare nel proprio Paese e cercare lavoro dove vogliono e non dove dice l'Ufficio del Lavoro. Gli africani vogliono una quota equa del Sud Africa, vogliono sicurezza e una partecipazione nella società”.

“Soprattutto, noi vogliamo diritti politici uguali, perché senza di loro le nostre disabilità saranno permanenti. So che questo suona rivoluzionario per i bianchi in questo Paese , perché la maggioranza degli elettori saranno africani. Questo fa temere la democrazia all’uomo bianco”.

“Ma questa paura non può frapporsi sul cammino dell'unica soluzione che garantirà armonia razziale e libertà per tutti . Non è vero che l'affrancamento di tutti comporterà dominio razziale. La divisione politica basata sul colore della pelle è del tutto artificiale e, quando scomparirà, scomparirà anche la dominazione di un gruppo di un colore su un altro. Da mezzo secolo l'African National Congress lotta contro il razzismo. Quando trionferà non cambierà questa sua politica”.

“Questo allora è ciò che l'ANC sta combattendo . La loro lotta è veramente nazionale . È una lotta del popolo africano, ispirata dalla sua sofferenza e dalla sua esperienza. È una lotta per il diritto di vivere”.

“Nel corso della mia vita mi sono dedicato a questa lotta del popolo africano. Ho combattuto contro la dominazione bianca e ho combattuto contro la dominazione nera. Ho accarezzato l'ideale di una società democratica e libera nella quale tutte le persone vivano insieme in armonia e con pari opportunità. È un ideale per cui spero di vivere e che spero di realizzare. Ma, se necessario , è un ideale per cui sono disposto a morire”. (EP)
 

“KARATE IS MY WAY OF LIFE” – BERN

Hawak-kamay, mga Pinoy sa Roma